Parco Crivelli: proiezione di “Se torno” 10 settembre

Se torno_HEADER_low

Il Parco Crivelli riapre, questa volta per ospitare la proiezione di “Se Torno, Ernest Pignon-Ernest e la figura di Pasolini”, un documentario girato dal Collettivo Sikozel costituito da quattro ragazzi inverighesi, un luraghese e una parigina, di formazione diversa ma complementare – tre storici dell’arte, due film-makers ed un antropologo. L’evento, in programma per sabato 10 settembre alle ore 20.30 al Parco Crivelli, è organizzato dall’Amministrazione Comunale, in collaborazione con le associazioni del territorio Muretto Culturale, il Circolo Fotografico di Inverigo e il Mondo delle UoVa.
Un’occasione per dare spazio all’intraprendenza e al grande lavoro artistico del Collettivo, per diffondere arte, per dare nuova linfa al Parco Crivelli.

Dopo il documentario seguirà una breve discussione moderata da Ivano Gobbato con i ragazzi del Collettivo, Luca Avanzini, Matteo Berardone, Federico Cavalleri, Camilla Colzani, Simone Rigamonti e Amandine Robinet. Al termine, ci sarà un piccolo rinfresco.

In caso di pioggia l’evento si terrà presso la Biblioteca Comunale di Inverigo.

Dopo «La pasqua secondo Ernest-Pignon-Ernest» del 2014, «Se torno» è il secondo documentario autoprodotto del Collettivo, girato nel 2015 in occasione del quarantesimo anniversario dell’omicidio di Pasolini. Di nuovo sulle tracce di Ernest Pignon-Ernest, il collettivo ha seguito l’artista francese durante gli incollaggi di una pietà pasoliniana sui muri delle città di Roma, Matera e Napoli, raccogliendo le atmosfere e le reazioni che l’immagine ha suscitato negli abitanti delle tre città.

Guarda il trailer del documentario “Se Torno”:

Cosa abbiamo fatto della morte di Pasolini? Ernest Pignon-Ernest interpella abitanti e passanti e riesce a far parlare i luoghi legati alla vita, all’opera e alla morte del poeta, rivelando le storie cui hanno assistito e le problematiche che continuano a vivere.
“Se torno” segue il percorso esistenziale dell’immagine a pietra nera dell’artista francese, dalla sua genesi all’inserimento nella realtà quotidiana delle tre città. Così facendo, il film interroga la permanenza del pensiero di Pasolini nell’immaginario collettivo e testimonia le lacerazioni che la sua figura suscita ancora oggi, a quarant’anni dalla notte del 2 novembre del ’75 quando fu assassinato su una spiaggia di Ostia. Tra fascino e rifiuto, l’immagine di Pasolini risuona attraverso le persone incontrate come una sentinella, un appello alla lucidità e all’impegno nelle nostre società.

IL COLLETTIVO SIKOZEL

Costituito da sei ragazzi amici da sempre, Sikozel nasce nel 2013 dall’idea di realizzare un documentario sulla memoria delle opere effimere realizzate da Ernest Pignon-Ernest a Napoli tra il 1988 ed il 1995, che si concretizza nel film “La Pasqua secondo Ernest Pignon-Ernest”.
Malgrado i pochi mezzi a disposizione (il film è stato completamente auto-prodotto), il documentario ha suscitato un grande interesse ed è stato proiettato più volte a Napoli, dove dall’evento è nata anche l’occasione per festeggiare i venticinque anni dai primi interventi di Pignon-Ernest nella città (Institut Français Napoli, Ex Asilo Filangieri). Altre proiezioni hanno avuto luogo a Parigi (Maison de la Poèsie, Maison des Arts de Malakoff, Galérie düo), a Vire (Musée municipal de Vire), a Eymoutiers (Espace Paul Rebeyrolle) e a Clermont Ferrand, dove il film è stato selezionato nel festival Traces de vie.
Legati all’artista da un rapporto di amicizia, non appena Ernest Pignon-Ernest ha raccontato ai ragazzi del suo progetto di interventi su Pasolini in Italia, il Collettivo si è subito proposto di seguirlo per documentare il suo lavoro – questa volta dal vivo e non solo nella memoria delle persone – e, dopo qualche mese di incertezze, è nata una nuova esperienza straordinaria, fatta di riprese notturne, incontri con persone speciali e mesi di lavoro collettivo per il montaggio e la post-produzione del film.  Sintesi di tanto lavoro, di molte idee e di una buona dose di arte dell’arrangiarsi.
Attualmente  i due documentari di Sikozel sono stati selezionati dal Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Nizza per la mostra «Ernest Pignon-Ernest».