Consiglio Comunale del 28 luglio 2016

Vi proponiamo un resoconto dell’ultima seduta del Consiglio Comunale di Inverigo. I contenuti riportati vogliono essere innanzitutto informativi: si elencano ordine del giorno e votazioni; quando si riportano le opinioni dei Consiglieri, si fa riferimento esclusivo a dichiarazioni pronunciate al tavolo del Consiglio durante la seduta, debitamente registrate e verificabili. Tuttavia, alcuni commenti espressi in questo testo sono atti a manifestare il punto di vista del gruppo politico che sostiene la Maggioranza e che redige questa relazione.

Il Consiglio Comunale del 28 luglio vede all’ordine del giorno punti di discussione molto tecnici: la ratifica della deliberazione di Giunta Comunale avente ad oggetto la variazione al Bilancio di Previsione 2016/2018 – annualità 2016 e la verifica del permanere degli equilibri generali di bilancio e il riconoscimento del debito fuori bilancio scaturito dalla sentenza della Corte di Appello di Milano n. 1843 del 12 maggio 2016 sul contenzioso Comune di Inverigo/ Victory s.r.l..

CC28

IMG_20160728_203740564

Per il primo punto all’o.d.g., la parola passa subito all’Assessore al Bilancio, Dott. Alessandra Ramella Pezza, che elenca le variazioni contenute nell’atto n. 75 del 6 luglio 2016. Riportiamo le più significative:

  • una previsione di spesa di €. 82.000,00 per finanziare gli incarichi legali relativi alla vertenza Comune di Inverigo/Victory s.r.l.;
  • la somma di €. 459.100,00 per il pagamento della passività scaturita dalla suddetta sentenza 1843/2016;
  • la spesa presunta di €. 86.200,00 al fine di realizzare nel periodo estivo la messa in sicurezza dei pavimenti delle scuole primarie di Inverigo e Cremnago, mediante la copertura della pavimentazione contenente fibre di vinil amianto,  e di altri interventi di manutenzione straordinaria. In particolare, l’abbassamento tecnico della controsoffittatura per evitare lo sfondellamento dei solai.
  • La previsione di spesa di €. 7.800,00 al fine di finanziare interventi di manutenzione ordinaria nelle scuole, da svolgersi nel periodo estivo.

Vogliamo a tal proposito ricordare che questi ultimi 7.800,00 € corrispondono a quanto risparmiato sul contributo alla Parrocchia per la Festa di Inverigo di luglio che l’Amministrazione Ape ha deciso di ri-destinare a progetti di manutenzione delle scuole.

I capigruppo delle Minoranze, coinvolti poco prima dell’inizio del Consiglio nel primo incontro della “Commissione Straordinaria relativa alla vertenza Comune di Inverigo/Victory S.r.l.”, istituita prontamente dalla Maggioranza con la deliberazione di G.C. n. 80 del 25 luglio, dichiarano nelle intenzioni di voto il loro assenso alla Variazione al Bilancio di Previsione 2016/2018, ritenendo le variazioni in linea con la strategia difensiva del Comune nella vertenza. Il Consigliere Riboldi non si trattiene, d’altra parte, dall’esprimere qualche riserva sulle spese previste per gli interventi di copertura dell’amianto nella pavimentazione delle scuole che, secondo rilevamenti effettuati da tecnici durante il suo mandato, si sarebbero potuti rinviare fino a fine 2017. Questa riserva viene espressa al fine di sottolineare come sia dovere dell’Amministrazione accordarsi alla comunicazione del Revisore dei Conti del 25 luglio, nella quale si invita il Comune di Inverigo a non prevedere nuove spese se non per questioni assolutamente improrogabili.
La risposta dell’Assessore ai Lavori Pubblici, Antonio Brenna, è chiara e scandita: la sicurezza dei cittadini e dei bambini vengono ritenute dalla Maggioranza questioni assolutamente improrogabili, avendo ereditato una situazione alquanto degradata degli istituti scolastici.
Brenna, inoltre, rammenta che sarà necessario sostenere altre spese per l’abbattimento e la messa in sicurezza di alcune piante pericolanti presso la Scuola media “Filippo Meda” e un grande intervento di manutenzione del verde pubblico, trovato in stato di elevata compromissione a seguito di un sopralluogo sull’intero territorio svoltosi d’urgenza dopo il forte nubifragio che il 2 luglio ha colpito il paese. Interviene il Sindaco Ape, evidenziando che il parere del Revisore dei Conti segue di 20 giorni la Delibera di Giunta n.75 in discussione; in aggiunta, Ape si dice convinto della bontà della scelta della sua Giunta di stanziare subito i soldi per gli interventi negli istituti scolastici senza aspettare la fine 2017 quando probabilmente, a causa della notifica della sentenza, il paese si troverà in una situazione ancora più critica. Ancora, in una nota Brenna torna ad insistere sull’urgenza di questi e altri interventi di manutenzione, come la copertura delle buche sulle strade, al fine di garantire l’incolumità e la sicurezza delle persone, prima di tutto.
Il capogruppo Canzi chiude, riconoscendo l’importanza dei voti favorevoli delle minoranze, auspicando un clima di collaborazione che porti alla migliore gestione possibile del paese.

Si passa al secondo punto sul Bilancio di Previsione 2016 e sulla verifica degli equilibri di bilancio, seppure una discussione sul tema risulti piuttosto surreale senza comprendere il debito dovuto a Victory s.r.l.. Infatti, la società in liquidazione non ha ancora provveduto alla notifica della sentenza al Comune e a calcolare l’importo totale del debito; ciò nonostante, il Consiglio Comunale è tenuto a espletare questo punto all’ordine del giorno entro la fine del mese di luglio (D.Lgs. 267/2000 come modificato dal D.Lgs. 118/2011). L’Assessore Ramella Pezza provvede a leggere il Bilancio di Previsione 2016, soffermandosi sulla parte relativa alla verifica degli equilibri con riferimento alla sentenza della Corte D’Appello 1834/2016. Inizia con una breve ricapitolazione della vicenda giudiziaria che tormenta le sorti del nostro Comune dal gennaio 1977 per arrivare a leggere la condanna e a spiegare le azioni intraprese dall’Amministrazione a riguardo.
In data 13 maggio 2016, il precedente Consiglio Comunale con deliberazione n. 20 ha vincolato l’intero avanzo di amministrazione disponibile, ammontante a 2.067.972,31 €, per il contenzioso Victory. In data 6 luglio 2016, come da ratifica del punto precedente, con la deliberazione n. 75 la Giunta Comunale ha approvato uno specifico stanziamento di spesa per fronteggiare le passività derivanti dalla sentenza per un importo pari a 459.100,00 € nonché reperendo le risorse necessarie per il finanziamento degli incarichi legali (82.000,00 €). Con deliberazione n. 78 la Giunta ha deciso di:

  • promuovere il ricorso avanti la Suprema Corte di Cassazione;
  • autorizzare la costituzione in giudizio per la tutela di questo ente;
  • individuare quali legali di fiducia per la difesa degli interessi dell’ente l’avvocato Massimo Manfredonia, cassazionista, e l’avvocato Lorenzo Spallino;
  • presentare un ricorso mirante ad ottenere dalla Corte d’Appello di Milano la sospensiva della esecutività della suddetta sentenza.

Inoltre, l’Amministrazione ha incaricato l’Ufficio Tecnico Comunale di procedere alla valutazione del patrimonio disponibile all’alienazione che riguarda i seguenti immobili:

  • fabbricato ex-Ballabio;
  • Fabbricato Cipressetta, ex-cinema;
  • possibili altri immobili;
  • terreni.

Dando atto che non sussistono debiti fuori bilancio con esclusione di quello derivabile dalla sentenza del 12 maggio 2016 ed evidenziando che l’Amministrazione ha già assunto i provvedimenti finanziari sovra-elencati volti a reperire le risorse economiche per provvedere al riequilibrio della gestione una volta determinato l’esatto ammontare a carico del Comune di Inverigo, il Consiglio Comunale esprime parere favorevole al Bilancio di Previsione 2016, nel continuo richiamo alla massima collaborazione tra le parti per risolvere al meglio la questione.

In ultima battuta vengono eletti i rappresentanti del Consiglio Comunale per la Commissione Biblioteca, 2 per la maggioranza e 1 per le minoranze. Il Consiglio elegge i Consiglieri Camilla Mantegazza, Mario Canzi e Ottavio Riva. Dalle seggiole riservate al pubblico abbiamo modo di rilevare che l’elezione del Consigliere di minoranza pare non rivestire particolare interesse da parte dei gruppi di opposizione. Spiace constatare la scarsa attenzione che i gruppi di opposizione perInvergo e Inverigo in Movimento riservano alla cultura.

Per meglio comprendere di che cosa si tratta, accenniamo brevemente che la Commissione Biblioteca dovrebbe costituire un importante organo di gestione e di promozione della proposta culturale del paese e del Servizio Bibliotecario, previsto dalle indicazioni regionali per i Regolamenti delle Biblioteche. Negli ultimi dieci anni e oltre, però, la Commissione Biblioteca inverighese, secondo volontà delle passate Amministrazioni, ha assunto un ruolo sempre più depotenziato, tanto da essere convocata solo due volte nel quinquennio di governo Riboldi 2011-2016 (la frequenza di convocazione nei Comuni circostanti è bimestrale). Confidiamo che la Amministrazione guidata da Ape saprà restituire dignità a questa Commissione, nel rispetto e nei riguardi della cultura spesso dimostrati dal nostro gruppo Inverigo2021.